Oltre l’orizzonte

“Non accontentarti dell’orizzonte. Cerca l’infinito” diceva giustamente Jim Morrison.

È esattamente quello che dobbiamo mettere in campo in vista del percorso unitario della sinistra in Italia. Serve un progetto politico audace, capace di guardare oltre l’orizzonte e di proporre una strategia che sappia affrontare le questioni a 360 gradi superando l’idea che governare sia solo uno strumento di pronto intervento sulle emergenze. Questa è la sfida che abbiamo di fronte nei prossimi mesi.

Dobbiamo ripartire da dove gli altri si sono fermati riportando la politica ad essere il pennello attraverso il quale disegniamo un nuovo futuro, non solo per noi ma anche (e soprattutto) per le future generazioni. Per gestire le migrazioni, che non sono solo quelle delle persone, ma anche quelle ambientali, economiche, dei diritti, delle libertà. Per rimettere al centro del dibattito la democrazia, lo stato di diritto e le questioni e i bisogni di ogni cittadina e cittadino, anche coloro che una certa politica vuole ignorare: le bambine ed i bambini stranieri che nascono in Italia ma che non sono considerati italiani come noi. Per costruire una strategia quadro di contrasto alla povertà e alle disuguaglianze capace di ripensare totalmente il nostro modello di Welfare. Per una società basata su pari opportunità ed uguaglianza perché, come si dice anche nel libro “Giorni Migliori – Manifesto per cambiare l’Italia” (il nostro Manifesto che presenteremo a Milano il 16 settembre), “tutti siamo diversi e però uguali di fronte alla legge”. Per restare umani e rispettare la nostra Costituzione in termini di accoglienza e rispetto dei diritti umani. Contro ogni forma di razzismo e di fascismo.

Di fronte a questi temi la Sinistra non può e non deve dividersi.

L’ho ripetuto anche ieri sera durante la Festa della Sinistra che si è svolta a Coreno Ausonio a cui erano presenti anche rappresentanti di Sinistra Italiana, Articolo 1 – MDP e Rifondazione Comunista.

Una strada che oggi ha visto un momento importante di sintesi ed unità in Sicilia dove Claudio Fava e Ottavio Navarra con un comunicato congiunto lanciano la candidatura del primo e l’apertura di un lavoro condiviso che guarda non solo a tutte le forze della sinistra ma anche alla società civile e al mondo delle associazioni. Un modello ed un percorso che spero sia di stimolo per ogni parte d’Italia, Frosinone compresa.

La sfida della Sinistra sta tutta qui. Lo spiega bene anche Civati sul suo blog: dobbiamo passare “da una politica della gestione di ciò che c’è a una politica che prova a immaginare qualcosa di diverso e che si preoccupa di raccontarlo. Sulla base di informazioni precise, di una vera e propria ricerca di soluzioni più avanzate, di un calcolo razionalissimo e basato su dati e evidenze empiriche”.

Per una sinistra planetaria, come direbbe Pippo.

Per un progetto capace di guardare oltre l’orizzonte.

oltre l'orizzonte

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...