Tra Mamme, razza, genitorialità e Milf, quello che manca è il Femminismo

Nel Partito Democratico si parla ancora di “continuare la razza” in merito alle misure di sostegno alla genitorialità ed alla nomina della Responsabile “Mamme” del PD (qualche dettaglio sulle deleghe assegnate lo trovate qui). E, come se non bastasse, poco dopo si fa riferimento alle “mamme omosessuali, donne o uomini che siano”.

Patrizia Prestipino, membro della Direzione Nazionale del PD e fresca di nomina in esecutivo nazionale come Responsabile Diritti degli Animali, si scusa, qualche ora dopo, per l’utilizzo della parola “razza” usata nell’intervista rilasciata a Radio Cusano Campus (le dichiarazioni sono state riportate su vari siti online, come La Repubblica).

Credo sia il minimo che la dirigente PD si scusi (speriamo che faccia lo stesso anche sull’affermazione circa le madri omosessuali). Resta il fatto che quelle cose le ha dichiarate, e quando si fa politica la comunicazione ed il lessico sono decisivi e bisogna prestare molto attenzione a quello che si dice. Le parole non sono vuote ma veicolano messaggi e se sei dirigente nazionale di un partito è d’obbligo farci attenzione.

Quando ci chiedete fino alla nausea perché siamo così rigidi nel ribadire la chiusura totale verso il Partito Democratico, ricordatevi delle delle dichiarazioni su razze e su mamme omosessuali, delle riforme mancate, come la step child che veramente andava incontro alla genitorialità omosessuale e riconosceva giuridicamente e tutelava i minori che vivono in famiglie omogenitoriali, o del reato di tortura che non piace nemmeno a chi lo voleva; ricordatevi del rinvio sullo Ius Soli (che-non-è) e sul biotestamento. Giusto per fare qualche esempio.

Dovrebbe essere più chiaro a tutti perché ci impegniamo in un progetto alternativo.

Abbiamo un’idea diversa delle donne e della genitorialità, che va inserita in un contesto ampio di uguaglianza e pari opportunità.  Al Dipartimento Mamme preferiamo un progetto che si dichiari apertamente Femminista. Questo Paese ha bisogno di più femminismo per combattere una società ancora ancorata ad un sistema patriarcale. Serve una cultura di parità che a partire dalle scuole impegni tutti noi nella costruzione di una società più giusta, dove uomini e donne possano autodeterminarsi con gli stessi diritti e le stesse opportunità. Per combattere il gap salariale, le violenze di genere, la prevaricazione di chi ancora pensa che le donne siano il sesso debole.

Per evitare che invece di fare passi avanti si rischi di fare passi indietro mettendo in discussione anche le conquiste ottenute negli anni con battaglie dure e faticose. Per evitare titoli di giornali che recitano “Milf tormenta ex” confinando, di nuovo, la donna ad una visione stereotipata legata all’immaginario sessuale. Per evitare che certe cose le dicano e le scrivano proprio le donne.

Tra mamme, razza, genitorialità e Milf, quello che manca, e che serve, eccome se serve, è il femminismo; un femminismo capace di mobilitare donne e uomini su battaglie che sono fondamentali per migliorare la vita di tutte e tutti.

 

182006321-637dfd5f-93c9-4596-a138-27f7a5d37fa6

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...