Lotto Marzo

È l’8 marzo ogni volta che una donna subisce violenza per la sola “colpa” di essere donna.

È l’8 marzo ogni volta che una donna subisce violenza per la sola “colpa” di essere donna e non denuncia perché si sente abbandonata, perché ha paura che nulla possa cambiare, perché non si sente protetta dallo Stato.

È l’8 marzo ogni giorno in cui ricordi che il lessico di genere è una battaglia che serve a rivoluzionare l’intero sistema culturale e non una forzatura nella lingua, come alcuni sostengono. Perché la lingua si evolve, come si evolvono la cultura e la società.

È l’8 marzo ogni volta che una donna che riesce ad entrare nel mondo del lavoro scopre che esiste anche la prassi per cui a parità di lavoro gli uomini guadagnano di più.

È l’8 marzo ogni giorno in cui una donna si trova costretta a scegliere tra la propria vita privata e quella professionale, tra l’essere madre e l’essere lavoratrice, come se le due cose si escludessero vicendevolmente. Invece nel nostro Paese non si può essere donna-madre-lavoratrice perché le politiche di conciliazione non esistono ancora.

È l’8 marzo ogni giorno in cui ad una donna viene negato l’accesso al diritto di interrompere la propria gravidanza nei termini e nelle modalità espresse dalla legge 194, inapplicata e calpestata, come viene calpestata l’autodeterminazione delle donne.

È l’8 marzo ogni volta che proponiamo di detassare i beni per l’igiene intima delle donne al 4% come in tutti i Paesi d’Europa ma in Italia ci scontriamo con le risatine da bar.

È l’8 marzo ogni volta che un’atleta donna partecipa ad una competizione agonistica sapendo però che l’unico titolo che le viene riconosciuto è quello di dilettante.

È l’8 marzo ogni volta che la presenza di una donna in politica deve passare dall’approvazione dei suoi colleghi uomini. È l’8 marzo ogni volta che chiediamo una legge che assicuri pari rappresentanza di genere in tutti i livelli delle istituzioni e a decidere su queste norme è sempre una maggioranza di uomini.

È l’8 marzo ogni giorno in cui scendiamo al fianco delle donne nelle loro battaglie e rivendicazioni, come il prossimo 8 marzo al grido Non Una Di Meno.

È l’8 marzo ogni volta che nasce una nuova bambina alla quale rinnoviamo l’impegno per costruire un’Italia che possa essere più paritaria e rispettosa del ruolo della donna.

Per questo l’8 marzo lotto. Domani e ogni giorno dell’anno.

banner-8-non-una-di-meno-10

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...