Una Mobilitazione che è anche Rivoluzione #cosedifuturo

Torno da Roma dopo tre giorni di Costituente delle Idee carico di entusiasmo. Ci sono le foto, i tweet, arriveranno i video, i report, le interviste e saremo chiamati ad organizzare una mobilitazione che è in sé una rivoluzione del modo di pensare e vivere la politica.

Nei prossimi mesi continueremo a parlare di ecologia e green economy, provando a farlo #primadeldiluvio; disegneremo i nuovi contorni di una scuola che sia buona davvero e non solo negli slogan; immagineremo un piano di sviluppo per Università e ricerca; ci impegneremo a presentare proposte sul lavoro, che non c’è, e sui giovani, che se ne vanno in cerca di un futuro; andremo da nord a sud a raccontare che un’accoglienza serie e rispettosa dei diritti umani non solo è possibile ma anche realizzabile. Parleremo di Diritti Civili e Uguaglianza costruendo un network di lavoro e approfondimento con associazioni e cittadini. E poi ancora politiche abitative e urbane, sanità e tanto altro. Tre giorni, quelli della Costituente, che sono serviti al confronto dentro e fuori il nostro partito su questioni fondamentali che saranno il cuore della nostra proposta di governo intorno alla quale chiederemo a tutti di partecipare e schierarsi. Una proposta che non rivolgeremo alle segreterie di partito ma a tutti i cittadini.

Apriremo un cantiere, o come dice Pippo Civati, una palestra della democrazia, dell’innovazione e della partecipazione. Per una mobilitazione-rivoluzione che passa dalle persone, dalla società e dalla cultura prima che dalla sfida elettorale. Abbiamo scritto solo la prima, bellissima, pagina di un racconto collettivo che continueremo in questi mesi.


Ci tengo a fare qualche ringraziamento. Intanto a Pippo e a tutto Possibile, in particolare al Comitato Scientifico e a quello Organizzativo, che hanno dato al gruppo sui temi LGBT la possibilità di organizzare un panel su questi temi che è servito per incontrare realtà associative del territorio nazionale per aprire un confronto. Un primo passo di un lavoro più ampio grazie al quale cercheremo di coinvolgere tutte le realtà interessate. Grazie a tutti coloro che costituiscono il gruppo LGBT che in questo mese ha dato prova di essere pronto a lavorare con serietà, preparazione ed entusiasmo, l’ottima riuscita dei lavori è stata possibile solo grazie al lavoro di tutti noi. Grazie a tutti coloro che sono intervenuti così numerosi mettendo a disposizione di un lavoro più ampio contributi, riflessioni e condivisioni (e in questo un grazie particolare ad Emanuela che parlandoci della semantica di EDUCARE ci ha fatto capire come il senso delle parole possa aiutarci a costruire proposte migliori). Saremo esploratori della democrazia, pronti a fare e costruire #cosedifuturo mettendo in campo una mobilitazione trasversale, democratica, laica. Una rivoluzione, mi piace pensarla così.

E poi grazie ai compagni di avventura di sempre: i comitati Possibile di Frosinone con i quali abbiamo avuto la “pazza” ma bellissima idea di far parte di questo percorso e tutt* i militanti, gli amici e le amiche, con i quali condividiamo il mare aperto della partecipazione. Non potevo scegliere persone migliori.

A Elly, Erika, Marco, Cico, Francesca, Marilisa, Pier, Samuel, Sara. Senza di voi non sarebbe la stessa cosa.

c5luacnwmaiugyh

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...