Criminalità organizzata: strumenti di Contrasto in Ciociaria

“Criminalità organizzata: strumenti di contrasto in Ciociaria” questo il titolo dell’iniziativa organizzata dai comitati della provincia di Frosinone di Possibile, il partito fondato da Pippo Civati, che si svolgerà presso la sala della biblioteca comunale “Alfonso Giorgi” di Ferentino il 3 gennaio 2017 alle ore 18.

Non è solo la cronaca di questi giorni a consegnarci episodi tangibili della presenza della criminalità organizzata in Provincia di Frosinone. Già dalla metà degli anni 70, per esempio, Raffaele Cutolo, faceva oscillare la sua giornata di latitante a Fiuggi tra una passeggiata tra i castagni e gli incontri con elementi di spicco della “Banda della Magliana”. Più di recente per due volte si è tentato di aprire istituti bancari con elementi vicinissimi al clan dei casalesi con il core business nel traffico illecito di rifiuti. Fino ai recentissimi episodi che hanno riguardato sale bingo e forse (sono in corso indagini) storiche discoteche.

Ad animare la discussione di domani, che avvierà la formulazione di una proposta politica al territorio,ci saranno le uniche persone delle istituzioni che hanno alzato la voce entrando senza parole di circostanza sul tema: Arturo Gnesi, sindaco di Pastena e candidato al Consiglio Provinciale nella lista “A difesa del territorio”, Marco Galli, Sindaco di Ceprano e Marco Maddalena, capogruppo di Sinistra Italiana al comune di Ferentino. Ad accompagnarli nel dibattito coordinato da Armando Mirabella, portavoce del Comitato Possibile “P.P.Pasolini”, ci sarà Walter Bianchi referente provinciale di Libera – associazioni, nomi e numeri contro le mafie.

Secondo Gnesi, che per porre il tema criminalità organizzata al centro del dibattito e della azione politica provinciale ha proposto la istituzione di una commissione provinciale antimafia, è mafia qualsiasi attività criminale che investa il denaro sporco sul nostro territorio  intimorendo, comprando o zittendo la pubblica amministrazione. Essa si allea con pezzi delle forze politiche ed economiche attive nelle istituzioni. Centrale nelle riflessioni dell’anestesista e sindaco di Pastena è il fatto che le mafie, prosperando nella penombra, sono forti dove la politica è debole e dove è consentito loro di vivere in tranquillità senza clamore, senza scossoni e senza che  nessuno le dia fastidio.

Riflessione condivisa da Walter Bianchi di Libera secondo il quale si può definire di mafiosità il neganre, lo sminuire e colpevolmente tollerare le mafie.

Il sindaco di Ceprano Marco Galli, da oltre un decennio Ispettore capo presso la Questura di Frosinone con un ruolo investigativo, in questi giorni, ha formulato una controproposta: battersi per il rinnovamento vero della politica e degli apparati. Riciclaggio è anche il modo con cui i soggetti politici si trasformano nel corso degli anni restando sempre se stessi.

Da domani scopriremo quanti in questa provinciasono pronti ad accogliere l’invito della Prefetta Zarrilli che invita la classe politica ed essere meno autoreferenziale e fattiva per il territorio. Scopriremo quanti nel corso del 2017 saranno prontiad aprire un confronto serio su questi temi che sono contemporaneamente sociali, etici, economici ed ambientali, in una parola: politici.

Coordinamento provinciale di Frosinone dei Comitati Possibile

3gennaio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...