Tre anni in attesa di una legge (migliore)

Con la funzione “Accadde Oggi” Facebook ci ha permesso di esplorare ogni giorno il nostro muro dei ricordi: le foto che abbiamo caricato, le amicizie che abbiamo iniziato, le riflessioni che abbiamo condiviso con i nostri amici. Sfogliare la nostra esperienza sul social network permette anche di fare il punto sulle questioni che seguiamo quotidianamente, in particolare in politica.

E in effetti avevo quasi dimenticato che tre anni fa, per la precisione il 19 settembre del 2013, era stato licenziato alla Camera il ddl per l’inserimento delle aggravanti per orientamento sessuale  e identità di genere nella Legge Mancino-Reale. Rimosso (più o meno volontariamente), più che dimenticato, per due fattori: la presenza depauperante per l’intero testo del subemendamento a firma Gitti (allora Scelta Civica oggi PD)[1] e per il fatto che l’Italia sia ancora in attesa dell’approvazione definitiva della legge. Al Senato è stata messa in un cassetto senza che ci fosse la possibilità di ridiscuterne il testo e migliorarlo liberandolo da qualsiasi alibi che renderebbe la legge “zoppa” e la metterebbe in contrasto con la normativa comunitaria e le posizioni del diritto e della giurisprudenza internazionale.

Una scelta politica, la stabilità di Governo deve essere tutelata e non può essere compromessa. I compromessi si fanno sulle leggi e sui passi che il nostro Paese può fare a metà. Il paradosso esemplificativo è che saltando completamente il tema delle discriminazioni e dei crimini di odio si è approvata una legge, monca anche questa, sulle unioni civili (che non sono il Matrimonio Egualitario, e ribadirlo non guasta mai). Una svolta, sicuramente: le persone LGBT, anzi quelle LG e basta, sono entrate nel diritto nazionale e possono vedersi riconosciuti alcuni diritti di coppia. Intanto però nelle scuole i fenomeni di bullismo aumentano e sono molto spesso legati all’omotransfobia, crescono le violenze e le discriminazioni, le persone transessuali sono ai margini di ogni considerazione, e l’articolo 3 della nostra Costituzione restà lì inapplicato.

Dall’uguaglianza possiamo valutare lo stato di salute della democrazia. Per questo è fondamentale non dimenticare le gravi carenze del nostro sistema e continuare a lottare, sostenendo in primis le associazioni che da anni si battono per questi temi. Possibile ha chiesto che venga ripristinata la festa nazionale della laicità nel giorno del XX Settembre quando nel 1870, con la breccia di Porta Pia, si decretò la fine del potere temporale della Chiesa. Per alcuni può sembrare solo un simbolo, in realtà è un qualcosa di molto più profondo: è la conferma di un impegno costante, è la testimonianza di essere pronti a lottare affinché l’Italia non lasci indietro nessuno.

Non vogliamo più aspettare l’approvazione di quella legge, dobbiamo rialanciare e non accontentarci; chiedere che la legge sia migliorata secondo gli standard europei più avanzati.

Noi lo faremo per portare l’uguale che abbiamo scelto per il nostro simbolo nella vita quotidiana di un intero Paese. Per vivere liberi ed eguali, tutelati da ogni forma di discriminazione. Senza alibi o giustificazioni.

stop-homophobia-435x290

[1] “Ai sensi della presente legge, non costituiscono discriminazione, né istigazione alla discriminazione, la libera espressione e manifestazione di convincimenti od opinioni riconducibili al pluralismo delle idee, purché non istighino all’odio o alla violenza, né le condotte conformi al diritto vigente, ovvero assunte all’interno di organizzazioni che svolgono attività di natura politica, sindacale, culturale, sanitaria, di istruzione, ovvero di religione o di culto, relative all’attuazione dei principi e dei valori di rilevanza costituzionale che connotano tali organizzazioni”, testo del subemendamento, articolo 3-bis https://www.senato.it/service/PDF/PDFServer/DF/295345.pdf

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...